Scambio di dati

Formati di scambio in fase di sviluppo

eHealth Suisse sviluppa costantemente nuovi formati di scambio e nuove specifiche. I formati di scambio sono suddivisi in formati di scambio direzionali e non direzionali. Il Piano direttore CIP 2028 indica quali nuove specifiche intende sviluppare eHealth Suisse entro il 2028.

Link interno: Maggiori informazioni sul Piano direttore CIP 2028

Formati di scambio rilevanti per la CIP

Si definiscono rilevanti per la CIP i formati di scambio che rappresentano i documenti sanitari dei pazienti. Questi documenti possono essere consultati nella CIP in qualunque momento dai pazienti e dai professionisti della salute legittimati a farlo. Ciò consente una «comunicazione non diretta».

Il formato di scambio eRefertoLaboratorio è un formato standardizzato per la trasmissione sicura ed efficiente di referti di laboratorio. Consente lo scambio elettronico di referti di laboratorio tra diversi specialisti e strutture mediche. Grazie a una chiara strutturazione e alla standardizzazione, il formato di scambio assicura una comunicazione più efficiente e una migliore interpretazione dei
referti di laboratorio, permettendo di promuovere la qualità dell’assistenza ai pazienti e di ottimizzare le procedure di lavoro.

L’eRefertoLaboratorio funge da rapporto di laboratorio generale per pazienti e professionisti della salute. Serve anche da formato di scambio di base per la dichiarazione elettronica all’UFSP delle malattie infettive soggette a dichiarazione obbligatoria. Per garantire l’interoperabilità con il resto dell’Europa, l’eRefertoLaboratorio è stato concepito sulla base del progetto europeo corrispondente. Per la redazione della guida all’implementazione FHIR ci si è inoltre avvalsi dei lavori preliminari riguardanti la versione CDA.

Link esterno: Specifiche eRefertoLaboratorio FHIR

L’International Patient Summary (IPS) è un set minimo, non esaustivo e standardizzato di dati clinici fondamentali. Comprende le principali informazioni sanitarie rilevanti ai fini delle cure e necessarie per un’assistenza sanitaria sicura, ed è costituito da una serie di elementi di dati fondamentali chiaramente definiti e riutilizzabili, organizzati in una cosiddetta biblioteca IPS. Il formato di scambio è conforme alle norme EN 17269 e ISO 27269 ed è stato sviluppato innanzitutto per cure mediche impreviste internazionali. L’IPS intende offrire soluzioni generiche applicabili a livello mondiale e non limitate a una determinata regione o a un determinato Paese.

L’International Patient Summary svizzero è una specifica FHIR che si basa sulla specifica IPS conformemente all’Health Level Seven International (HL7) e alle norme ISO. Il set di profilo si attiene strettamente alle specifiche di HL7, ma supporta le esigenze della Svizzera. La conformità all’IPS è in ogni caso garantita.

Link esterno: Specifica CH IPS FHIR (in inglese)

Comunicazione direzionale

I professionisti della salute hanno l’esigenza di scambiare elettronicamente incarichi, rapporti di trasferimento eccetera direttamente dai sistemi primari con altri fornitori di prestazioni nell’ambito di una «comunicazione diretta». Il manuale stabilisce le basi per l’elaborazione di formati di scambio per i casi d’uso direzionali.

Link esterno: Swiss eHealth Exchange Format Handbook Part I: Service Requests (in inglese) (537 KB, 26/10/23)

Attualmente sono definiti i seguenti formati di scambio per la «comunicazione diretta»: il formato di scambio generale per gli incarichi e i trasferimenti (CH ORF), gli ordini di laboratorio (CH LAB-Order), gli ordini di esami radiologici (CH RAD-Order) e il rapporto di trasferimento (eTOC).

Il profilo «Order & Referral by Form» (CH ORF) descrive come i moduli per le attribuzioni elettroniche e le richieste di informazioni (p. es. i risultati di diagnostica per immagini, i risultati di laboratorio, i rapporti di dimissione ecc.) possono essere definiti, impiegati e utilizzati per ottenere uno scambio di informazioni trasversale sintatticamente e semanticamente coerente.

Link esterno: Specifica FHIR CH ORF (in inglese)

Una cura efficiente ed efficace dei pazienti non può prescindere da uno scambio di informazioni continuo e integrale tra i diversi fornitori di prestazioni durante le transizioni di cura. Le informazioni sono scambiate nella forma di rapporti di trasferimento, che sono trasmessi tra diverse strutture sanitarie, all’interno di una stessa struttura, tra diversi curanti o altri professionisti della salute che hanno in cura il paziente. L’obiettivo è promuovere lo scambio di informazioni interprofessionale nelle transizioni di cura e riutilizzare i dati interprofessionali in vari modi.

Nel rapporto relativo al «eRapportoTrasferimento» del dicembre 2018 sono formulate raccomandazioni per l’uso interdisciplinare dei principali moduli informativi nelle transizioni di cura. Esse devono essere applicate nei documenti elettronici della «Transition of Care» (eToC), cioè passaggi e transizioni da un trattamento terapeutico all’altro, ai fini della comunicazione interprofessionale. I moduli di dati disponibili possono trovare applicazione, in modo indipendente tra loro, all’interno di documenti diversi (p. es. nei rapporti di dimissione).

Link esterno: eRapportoTrasferimento (eTransition-of-Care Dokument) IPAG (in tedesco) (848 KB, 02/10/23)

Link esterno: Specifica FHIR eTOC (in inglese)

Link esterno: Report on the Relationship between IPS and CH eTOC (in inglese) (2.4 MB, 02/10/23)

Soprattutto nell’ambito delle analisi patologiche e di laboratorio, i campioni svolgono un ruolo importante e devono essere strettamente collegati all’incarico in modo da poter essere assegnati correttamente al laboratorio designato. Con l’aiuto del formato di scambio i laboratori possono predisporre gli incarichi con i moduli predefiniti in modo efficiente, corretto e strutturato.

Si riferisce anche alla Guida FHIR per la raccolta strutturata di dati (SDC), che serve a predisporre questionari di facile utilizzo SDC e moduli di destinazione che possono essere presentati all’utente con campi di immissione precompilati e forniscono una guida con set di valori consultabili. Sono stati apportati alcuni miglioramenti alla guida generale per gli ordini e le raccomandazioni.

Il CH LAB-Order si basa sulla CH ORF Implementation Guide for Order & Referral. Questo formato di scambio è utilizzato nel settore dei laboratori per una prescrizione elettronica di test e analisi.

Link esterno: Specifica FHIR CH LAB-Order (in inglese)

Nel contesto clinico esistono diverse applicazioni nella radiologia, per esempio la richiesta di precedenti referti di esami di diagnostica per immagini o telereferti, o ancora di un secondo parere. Inoltre servono a predisporre i trasferimenti anche per un esame radiologico. Il ricorso al formato di scambio consente di preparare questi incarichi con i moduli definiti in modo efficiente, corretto e strutturato e di riutilizzare le informazioni disponibili.

Basato sulla CH ORF Implementation Guide for Order & Referral, questo formato di scambio è utilizzato in radiologia per ottenere uno scambio di informazioni trasversale sintatticamente e semanticamente coerente.

Link esterno: Specifica FHIR CH RAD-Order (in inglese)

Altri formati di scambio

Prima di procedere al trapianto di un organo, sono necessari numerosi esami di laboratorio. È infatti necessario verificare se il gruppo sanguigno e le caratteristiche tissutali del donatore sono compatibili con quelli di un paziente in lista di attesa e se c’è il rischio di rigetto di un organo o di trasmissione di malattie. Diverse centinaia di valori da esami di laboratorio confluiscono nella valutazione quando lo «Swiss Organ Allocation System» o SOAS (il sistema di attribuzione elettronico) individua potenziali riceventi di organi. I valori di laboratorio possono essere trasmessi direttamente al SOAS mediante un’interfaccia elettronica. Questa possibilità è già utilizzata da alcuni centri di trapianto.

La guida d’implementazione descrive la notifica dei dati di laboratorio di donatori e riceventi al SOAS, definisce un formato uniforme per la trasmissione dei dati di laboratorio e fornisce le corrispondenti specifiche a livello normativo. Determinante per l’elaborazione del formato di scambio era l’obiettivo di ridurre il più possibile l’elevato dispendio in termini di tempo e la quota di errori legata all’immissione manuale dei dati. Ciò presuppone l’interoperabilità semantica dei sistemi interessati.

Link esterno: Trasmissione elettronica dei referti di laboratorio a SOAS

Link esterno: Formato di scambio per la trasmissione di referti di laboratorio nel processo di trapianto di organi (in tedesco) (951 KB, 02/10/23)

Il documento medico-sociale di invio è un documento standardizzato a livello cantonale. Viene utilizzato dai professionisti della salute per garantire la continuità delle informazioni su un paziente al momento del suo trasferimento. Il documento medico-sociale di invio contiene le informazioni necessarie a tale scopo. Si tratta in particolare di informazioni amministrative e di un elenco di contatti (assistente, familiari), del grado di autonomia e indipendenza, dello stato di salute e di informazioni relative al giorno del trasferimento.

Link esterno: Informazioni in merito al documento medico-sociale di invio (in francese)