Archivio «Attualità»

Il documento sull’interoperabilità delle prestazioni complementari della CIP con raccomandazioni per la comunicazione diretta (disponibile in tedesco) è stato redatto dal gruppo di lavoro «Prestazioni complementari» di eHealth Suisse e contiene proposte per l’interoperabilità in tutta la Svizzera delle applicazioni di supporto alla CIP, in particolare per la comunicazione diretta tra le istituzioni sanitarie facenti parte di una comunità CIP. La relativa indagine conoscitiva si svolge dal 22 luglio al 27 settembre 2019. Si può accedere al questionario online dell’indagine facendo richiesta alla segreteria di eHealth Suisse. Si prega di indicare nell’e-mail la lingua (tedesco, francese) in cui si desidera esprimersi.

Leggi tutto Indagine conoscitiva sulle raccomandazioni per le prestazioni complementari della CIP

Nella sua seduta di giugno 2019, il comitato di direzione strategica di eHealth Suisse (Confederazione/Cantoni) ha preso atto che i lavori necessari per l’introduzione della CIP sono in corso e che la data prevista per la sua entrata in funzione (metà aprile 2020) non deve essere messa in discussione. Permangono delle incertezze per quanto concerne la disponibilità sul mercato di strumenti di identificazione per la popolazione, dato che non si sa ancora quali offerte saranno certificate ed entro quando. Quasi tutte le comunità (di riferimento) hanno inoltre previsto la loro certificazione nello stesso periodo, ossia tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, ciò che costituirà una sfida per gli organismi di certificazione. Per giunta molti ospedali sono molto in ritardo con i preparativi, per cui in molti casi una profonda integrazione della CIP nei rispettivi sistemi di informazione non sarà più possibile. Inizialmente quindi l’accesso alla CIP dovrà essere garantito mediante un portale online.

Leggi tutto Introduzione della CIP: i lavori procedono, ma rimangono ancora problemi da risolvere

Il 24 giugno 2019, il capo del Dipartimento federale dell’interno ha adottato la versione riveduta dell’ordinanza del DFI sulla cartella informatizzata del paziente (OCIP-DFI) e le nuove versioni degli allegati dell’OCIP-DFI. Nel quadro di tale revisione, da un lato sono state introdotte le ultime precisazioni relative alle condizioni organizzative di certificazione (allegato 2 dell’OCIP-DFI) e dall’altro si è provveduto a modificare le prescrizioni tecniche e gli intervalli di valori dei metadati (allegati 5, 3 e 9). Inoltre il DFI ha stabilito quali dati le comunità e le comunità di riferimento devono fornire per il monitoraggio della gestione della CIP (allegato 6). La versione riveduta dell’OCIP-DFI con i suoi allegati, consultabile su www.ehealth.admin.ch, entrerà in vigore il 15 luglio 2019 e va tenuta in considerazione al momento della prima certificazione.

Leggi tutto La revisione dell’ordinanza del DFI sulla CIP entrerà in vigore a metà luglio

Nei due grandi App Store sono disponibili oltre 300 000 app per la salute, un’offerta enorme che per gli utenti è ormai impossibile da inquadrare. Per poter sfruttare questi strumenti, i pazienti e i professionisti della salute hanno però l’esigenza di conoscere applicazioni adatte e affidabili. Siccome gli App Store non impongono requisiti alle informazioni pubblicate, la descrizione di queste app è spesso insufficiente. Per migliorare la trasparenza, un gruppo di lavoro di eHealth Suisse ha definito un elenco di nove criteri primari relativamente ai quali in futuro gli sviluppatori di app dovranno fornire delle indicazioni in un’autodichiarazione. Si tratta tra l’altro di specificare la gestione della protezione dei dati, se si tratta di un dispositivo medico e come viene garantita la qualità dei dati misurati. Sulla base dell’elenco dei criteri si sta ora valutando come, quando e da chi può essere messa in atto l’autodichiarazione.

Leggi tutto Nove criteri per una maggiore trasparenza delle app per la salute

La signora Rossi e la signora Rezzonico hanno un punto in comune: dispongono entrambe di una cartella informatizzata del paziente (CIP). Una farmacista e un medico d’urgenza ne sono molto contente, dato che le due specialiste hanno così la possibilità di accedere a informazioni molto importanti per la cura delle due signore. Non si tratta ancora di casi reali, ma di scenari futuri illustrati nei nostri due video esplicativi «Sul posto in caso di emergenza» e «Medicamenti sotto controllo». Dateci un’occhiata: speriamo vi piacciano. Potete integrare i video nella vostra comunicazione indicando la fonte.

Leggi tutto La CIP al momento giusto al posto giusto: due nuovi video esplicativi

Non appena verranno certificate le prime comunità e comunità di riferimento ai sensi della LCIP dovrà essere chiaro per la popolazione chi appartiene all’«area riservata nazionale CIP». In quest’ottica, eHealth Suisse ha fatto sviluppare un marchio ombrello nazionale e un marchio di certificazione unitario e li ha depositati presso l’Istituto Federale della Proprietà Intellettuale. Il marchio figurativo segnala che si tratta di un offerente degno di fiducia; l’utilizzo del marchio di certificazione garantisce la sua riconoscibilità. Un manuale sull’impiego del marchio ombrello, del marchio di certificazione e degli elementi comunicativi standardizzati sulla CIP descrive come le future comunità (di riferimento) e altri partner possono e devono utilizzare il marchio CIP per pubblicizzare la loro offerta nella maniera più trasparente ed efficace possibile.

Leggi tutto Manuale sull’utilizzo del marchio ombrello CIP

La 21° Conferenza per la promozione della salute intende illustrare le potenzialità della digitalizzazione quale strumento aggiuntivo per promuovere la salute. Rafforzare l’alfabetizzazione sanitaria consente di prendere decisioni nella vita quotidiana che si ripercuotono positivamente sulle condizioni di salute. Anche gli strumenti digitali si prestano in misura crescente a tale scopo. La sfida è di promuovere le competenze in tema di salute della popolazione in generale, coinvolgendo attivamente anche le categorie vulnerabili. Nel contesto globale assumono un’importanza decisiva anche fattori quali i criteri di qualità e la protezione dei dati. La Conferenza presenterà sfide attuali, conoscenze specialistiche di base, possibilità operative ed esempi di buone pratiche di vari ambiti. Lo scopo è mostrare ai partecipanti come possono essere sfruttate le potenzialità della digitalizzazione quale ulteriore strumento di promozione della salute e quali aspetti vanno considerati a tale proposito. Riservate già oggi il 30 gennaio 2020 nella vostra agenda.

Leggi tutto Save the Date – Conferenza nazionale per la promozione della salute sull’evoluzione tecnologica nell’ambito della promozione della salute, 30 gennaio 2020, Berna

Tutte le cliniche di una società operativa di un consorzio ospedaliero devono affiliarsi alla medesima comunità (di riferimento)? – No. Le cliniche possono optare per la soluzione che meglio si addice alla loro struttura organizzativa e affiliarsi singolarmente o come società operativa alla stessa o a diverse comunità (di riferimento). Su richiesta, questo ulteriore aspetto è stato inserito tra gli esempi pratici illustrati nella scheda informativa «Chi deve offrire una CIP?». Per offrire un aiuto a tutte le tipologie di istituzioni soggette all’obbligo della CIP, eHealth Suisse ha ampliato la scheda informativa «Collegamento degli ospedali alla CIP», ora denominata «Collegamento delle istituzioni sanitarie alla CIP». Inoltre è stato aggiunto un accenno agli adattatori disponibili in commercio quale alternativa all’integrazione della CIP da parte di esperti di IHE.

Leggi tutto Precisazioni riguardanti le schede informative «Chi deve offrire una CIP?» e «Collegamento degli ospedali alla CIP»

56a Newsletter eHealth Suisse

È uscita la 56a edizione della nuova newsletter di eHealth Suisse.

Leggi tutto 56a Newsletter eHealth Suisse

Sul sito web della CIP www.cartellapaziente.ch è ora disponibile un nuovo strumento d’informazione sulla CIP: il check delle conoscenze interattivo, che riassume le principali informazioni sulla CIP con brevi video, testi e grafici su 10 temi, completandole con domande di controllo. Il quiz si basa sui contenuti dell’informazione che deve essere fornita al paziente e può quindi servire da strumento di autoinformazione per i pazienti (conformemente alla raccomandazione formulata nell’ausilio per l’attuazione «Consenso per l’apertura di una CIP», in tedesco). Il quiz può essere utile anche per la formazione o il perfezionamento in materia di eHealth. Le persone e le organizzazioni interessate possono utilizzarlo liberamente per completare il loro materiale.

Leggi tutto Quanto conoscete la CIP? Nuovo quiz online

Ultima modifica 26.09.2019