Attualità

61a Newsletter eHealth Suisse

È uscita la 61a edizione della nuova newsletter di eHealth Suisse.

Leggi tutto 61a Newsletter eHealth Suisse

I lavori per l’introduzione della cartella informatizzata del paziente (CIP) procedono a pieno regime, in particolare nelle «comunità di riferimento» che la offriranno in futuro. Il comitato di programma CIP di Confederazione e Cantoni verifica regolarmente i progressi e lo stato dell’attuazione. L’implementazione delle comunità di riferimento è onerosa e la procedura di certificazione complessa, anche a causa dei requisiti molto severi di protezione e sicurezza dei dati. Poiché la procedura di certificazione e il riconoscimento formale degli organismi di certificazione stanno durando più del previsto, si verificheranno leggeri ritardi. Probabilmente non sarà possibile introdurre la CIP in tutta la Svizzera entro metà aprile 2020. Confederazione e Cantoni stanno però esaminando misure per consentire ad alcune comunità di riferimento di avviare l’attività entro il termine previsto qualora la certificazione fosse conclusa, ma gli organismi di certificazione non avessero ancora ottenuto l’accreditamento necessario. Il comitato di programma CIP si aspetta inoltre che i partecipanti si assumano la propria responsabilità affinché gli abitanti della Svizzera possano aprire una CIP al più tardi entro l’estate del 2020.

Leggi tutto Introduzione della CIP: i lavori procedono a pieno regime

Secondo il diritto federale, oltre alle comunità (di riferimento) devono essere certificati anche gli emittenti di strumenti d’identificazione per la CIP. Ad oggi due aziende hanno svolto con successo la complessa procedura di certificazione per l’identificazione sicura: la Health Info Net AG (HIN) e la ELCA Informatique SA.

Leggi tutto Certificate le prime identità elettroniche per la CIP

Un buon 46 per cento dei medici di base prevedono di aderire alla CIP, anche se, al momento del suo avvio l’anno prossimo, la partecipazione sarà facoltativa per tutti i fornitori di prestazioni ambulatoriali. Questo è quanto risulta dal più recente studio comparativo condotto dalla fondazione americana «Commonwealth Fund» e a cui la Svizzera partecipa regolarmente (cfr. Scheda informativa 2019 per la Svizzera). A prevedere l’adesione sono piuttosto i medici più giovani, che a volte lavorano in studi associati. La maggioranza dei medici più anziani attivi in studi medici singoli non prevede invece alcuna adesione. Nel confronto internazionale, la quota di medici che documenta elettronicamente le cartelle ciniche è ancora molto bassa. Con appena il 70 per cento, la Svizzera occupa l’ultimo posto tra gli undici Paesi che hanno preso parte allo studio.

Leggi tutto Quasi la metà dei medici svizzeri intende aderire alla CIP

La ricetta medica elettronica (eMedikation) è uno dei casi di applicazione più frequentemente richiesti nel contesto della CIP. Nel 2017 il gruppo di lavoro interprofessionale IPAG ha elaborato prescrizioni per i relativi formati di scambio. Il risultato dei lavori è stato armonizzato con l’IHE Community Medication Prescription and Dispense (CMPD) Profile, che definisce anche questi formati di scambio (documents) per il processo della eMedikation. In una nuova scheda informativa di eHealth Suisse sono elencati, spiegati e riuniti i diversi documenti e formati di scambio relativi alla eMedikation ed è indicato il seguito dei lavori: visto che introdurre in blocco l’intera eMedikation richiederebbe molto tempo, l’operazione avverrà in due fasi. Un primo passo consisterà nell’introdurre il «Medication Card Document», verso la fine del 2020, che contiene una panoramica il più possibile completa delle ricette mediche attuali.

Leggi tutto Ricetta medica elettronica: introduzione in due fasi

Con l’entrata in vigore della legge federale sulla cartella informatizzata del paziente (LCIP), gli istituti per persone con bisogni d’assistenza si troveranno confrontate a numerose sfide a vari livelli. La presente guida di Curaviva Svizzera prende spunto da una di queste sfide: vuole infatti mettere a disposizione del personale dirigente e degli organi decisori le conoscenze necessarie affinché possano valutare in modo adeguato le possibilità di intervento e le loro conseguenze così come il loro potenziale per la propria azienda in modo da poter iniziare in seguito nel migliore dei modi la pianificazione del proprio progetto di CIP.

Leggi tutto Guida di Curaviva per l’introduzione della CIP nelle istituzioni per persone con bisogni d’assistenza

Il comitato di direzione strategica di eHealth Suisse ha approvato la nuova versione del documento «Prestazioni complementari interoperabili delle comunità (di riferimento)», che contiene sette raccomandazioni per l’attuazione della comunicazione diretta interoperabile in tutta la Svizzera tra professionisti della salute. Nell’ambito dell'indagine conoscitiva dell’estate 2019, 56 organizzazioni hanno approvato gran parte del documento. I punti critici sollevati sono stati considerati nella valutazione e integrati nelle raccomandazioni. La versione francese sarà pubblicata a dicembre.

Leggi tutto Raccomandazioni nazionali per le prestazioni complementari interoperabili

I cittadini possono scegliere liberamente presso quale fornitore – cioè presso quale cosiddetta comunità di riferimento – vogliono aprire e gestire una cartella informatizzata del paziente. Hanno anche il diritto di cambiare in qualsiasi momento comunità di riferimento. Affinché ciò sia possibile, le comunità di riferimento hanno definito congiuntamente in un gruppo di lavoro temporaneo la migrazione di una CIP da un fornitore all’altro. I risultati sono descritti nell’ausilio per l’attuazione «Cambio di comunità di riferimento» (in tedesco e francese).

Leggi tutto Ausilio per l’attuazione per il cambio di comunità di riferimento

Le comunità (di riferimento) utilizzano un’infrastruttura complessa con sistemi informatici di diversi gestori, interconnessi tra loro. In caso di adeguamenti possono verificarsi errori che inficiano il corretto funzionamento dell’intero sistema. Affinché le comunità possano rilevarli rapidamente è stato elaborato l’ausilio per l’attuazione «Collaudo delle funzioni» (in tedesco), che contiene un piano appropriato per garantire la qualità e l’interoperabilità della CIP.

Leggi tutto Collaudo delle funzioni per garantire la qualità e l’interoperabilità della CIP

Il kit formativo, una raccolta di materiale e idee cui si può attingere per le proprie formazioni, è ora disponibile anche in italiano e francese e può essere ordinato inviando un’e-mail a eHealth Suisse.

Leggi tutto Kit formativo disponibile in italiano e francese

Ultima modifica 04.11.2019