Ausili per l'attuazione

eHealth Suisse sostiene le regioni di copertura nella realizzazione dei progetti di attuazione fornendo loro ausili pratici per esempio sotto forma di documenti esplicativi.

Gli ausili per l’attuazione non sono giuridicamente vincolanti, ma offrono suggerimenti su come affrontare un compito nell’ambito dell’interconnessione digitale. Gli attori coinvolti sono liberi di decidere se attenersi alle proposte e alle raccomandazioni.

Rappresentanze in ambito CIP

Se una persona non può o non vuole gestire personalmente la propria CIP, può delegare il compito a un rappresentante. Tuttavia solo pochi passaggi dell’ordinanza di esecuzione della legge federale sulla cartella informatizzata del paziente LCIP indicano chi possa essere rappresentante e in quali casi. A tal proposito si rimanda alle disposizioni di diritto civile. Ai fini di un’interpretazione più chiara di queste disposizioni nel caso della CIP e per rispondere alle numerose richieste, eHealth Suisse ha elaborato gli ausili per l'attuazione «Rappresentanze in ambito CIP» (non disponibile in italiano). Il documento contiene direttive pratiche − ad esempio per quanto concerne la classificazione dell’età di bambini e adolescenti −, alberi decisionali per le procedure per tutte le fasce d’età, moduli standard e informazioni di base. La scheda informativa ne riassume i punti fondamentali.

Conversione di documenti PDF per il caricamento nella CIP

Dato che la CIP permette di utilizzare unicamente determinati formati di dati con caratteristiche ben precise, alcuni documenti originali devono essere convertiti nel formato adatto prima di poter essere caricati: i file PDF, ad esempio, devono essere ottimizzati per l’archiviazione nei formati PDF-A1 e A2. Un gruppo di lavoro provvisorio composto da collaboratori dell’UFSP, comunità di riferimento, esperti informatici e rappresentanti di eHealth Suisse ha esaminato diverse soluzioni. Ne è risultato un breve ausilio per l’attuazione.

Consenso per l’apertura di una CIP

L’apertura di una cartella informatizza del paziente (CIP) è facoltativa per i pazienti. Pertanto il loro consenso costituisce un passo importante per l’allestimento di una CIP. Le comunità di riferimento sono responsabili dell’ottenimento di questo consenso informato. Il nuovo ausilio per l’attuazione di eHealth Suisse «Consenso per l’apertura di una CIP» apporta un valido contributo a questo processo. Illustra i requisiti giuridici e formula raccomandazioni sulla procedura, i ruoli e gli strumenti d’aiuto. Inoltre vi si trovano documenti non vincolanti per l'informazione ai pazienti e il formulario per il consenso.

Esperienze compiute con il progetto «Mon Dossier Médical»

 L’implementazione decentralizzata della cartella informatizzata del paziente CIP sta sollevando gli stessi interrogativi in numerosi Cantoni e nelle future comunità CIP: come introdurre la CIP nell’attività quotidiana dei professionisti della salute? Come motivare i pazienti a partecipare? Come affrontare domande difficili dal punto di vista etico? Con MonDossierMédical il Cantone di Ginevra attua da alcuni anni un progetto che mette già in pratica numerosi elementi della CIP e in tal modo ha acquisitoesperienze preziose con la cartella digitale del paziente. eHealth Suisse ha pertanto elaborato un ausilio pratico, nel quale sono esposte le esperienze ginevrine e fornite indicazioni utili per altri utenti della CIP.

Protezione e sicurezza dei dati della CIP

La protezione e la sicurezza dei dati sono due aspetti centrali della cartella informatizzata del paziente (CIP) e pertanto il diritto in materia prevede molte e severe misure tecniche ed organizzative. L’ausilio per l’attuazione sulla protezione e la sicurezza dei dati della CIP descrive come ogni comunità possa attuare queste misure.

Collegamento dei sistemi primari all’infrastruttura CIP

L’ausilio pratico «Collegamento dei sistemi primari» (in francese e tedesco) descrive possibili modi per collegare gli esistenti sistemi primari delle istituzioni sanitarie alla futura infrastruttura della cartella informatizzata del paziente (CIP). Il documento illustra, con esempi concreti, il processo di applicazione e proposte di soluzioni tecniche. Questo strumento intende inoltre aiutare i produttori e gli utenti di sistemi primari ad affontare, all’interno delle loro aziende, le questioni strategiche più pertinenti nell’ambito della CIP.

Adeguamenti legislativi nei Cantoni

Con l’entrata in vigore della legge federale sulla cartella informatizzata del paziente (LCIP), i Cantoni devono esaminare se le loro legislazioni sono compatibili con la LCIP e le relative ordinanze di esecuzione e all’occorrenza apportarvi le necessarie modifiche. Per sostenere i Cantoni in questo processo, nel 2016 eHealth Suisse ha pubblicato l’ausilio pratico «Adeguamenti legislativi nei Cantoni» (in francese e tedesco). Il documento descrive a grandi linee gli adeguamenti legislativi attuati negli ultimi anni o previsti a livello cantonale e contiene una lista di controllo che serve ai Cantoni come guida per l’attuazione.

Finanziamento delle comunità

La legge federale sulla cartella informatizzata del paziente (LCIP) non contiene disposizioni sul finanziamento delle comunità e delle comunità di riferimento. Nel 2016 un gruppo di lavoro posto sotto la direzione di eHealth Suisse ha perciò esaminato la situazione attuale e lo stato delle conoscenze. Il risultato principale del lavoro svolto è una lista di controllo articolata nei moduli «visione», «strategia» e «modello di finanziamento» in cui sono indicate punto per punto le questioni rilevanti per il finanziamento operativo di una comunità o comunità di riferimento consentendo così di identificare precocemente eventuali ostacoli all’attuazione. A complemento della lista di controllo, il documento rimanda a soluzioni esistenti riguardanti il problema del finanziamento delle comunità e delle comunità di riferimento.

Ultima modifica 01.04.2019